8 maggio 2008

?

Posted in Punto Deruta Sfilato, Sfilature, Uncategorized a 5:15 pm di silvia69

centro quadrato

Questo centro rettangolare l’ho realizzato seguendo le spiegazioni trovate sulla rivista Rakam. Nell’ articolo veniva chiamato “punto Caterina de’ Medici” e così io l’ ho chiamato per anni.

Ultimamente su altri numeri di Rakam sono stati pubblicati molti lavori a punto Caterina de’ Medici e la tecnica di esecuzione è completamente diversa e diverso è lo stile.

A questo punto, non so dire come si chiama questa tecnica, forse è un tipo di sfilatura…

Grazie a Maria Rita (vedi commenti di seguito) ho saputo che questa tecnica si chiama punto Deruta sfilato!

Misure 44×31

Tempo impiegato: 20 ore.

particolare

25 commenti »

  1. giovanna said,

    ho capito che sei un autodidatta,ma c’è qualcosa che non sai fare?Bravissima, io sono affascinata dallo sfilato, dal filet su rete,ed intaglio, anch’io cerco di fareda sola, ma tu sei decisamente più avanti di me. Ti farò ancora visita.ciao

  2. silvia69 said,

    Grazie.
    Hai proprio capito bene: sono un’autodidatta. Mi piace imparare tecniche nuove (ho scoperto che alcune le ho imparate “a modo mio”), una volta che mi sento “capace” faccio uno o due lavori, poi passo ad una nuova tecnica. Così so fare un pò di tutto ma niente alla perfezione (e soprattutto non sarei in grado di insegnare ad altri perché i miei sistemi non sono sempre “ortodossi”). Lo faccio per passatempo, per mantenere viva la mia creatività, quindi ciò che conta per me è che io mi “diverta”. Quando un lavoro diventa pesante e monotono vuol dire che è arrivato il momento di abbandonarlo e passare a qualcosa di nuovo che mi impegni la mente.
    Vieni a visitarmi quando vuoi: mi fa sempre piacere!
    Buon divertimento con i tuoi lavori!

  3. Grazia said,

    vorrei sapere per cortesia la tecnica per eseguire il ricamo a punto Caterina de Medici. potete inviarmi una email o indicarmi un sito dove posso vedere l’illustrazione chiara del punto?
    grazie e saluti

  4. silvia69 said,

    La tecnica per eseguire il vero punto Caterina de’ Medici è molto semplice: si tratta di punto filza in giri di andata e ritorno, fino a colpletare il disegno dello schema scelto. Il tessuto deve essere a trama grossa, rada e regolare. Esistono varie pubblicazioni che lo illustrano, ad esempio:
    PUNTO CATERINA DE’ MEDICI – 3° album degli schemi di Giuseppa Federici – libro contenente gli schemi dei motivi classici per tendoni, tende, corsie e la nuova tecnica di ricamo a PUNTO CATERINA di Giusy con il MEZZO PUNTO FILZA; per richiederlo inviare una mail all’indirizzo: assoricamo.jesi@libero.it
    oppure si può acquistare sul sito: http://www.librando.it/libro/p-1542-Punto-Caterina-De-Medici.htm

    Le spiegazioni su come eseguire il punto filza e el sue varianti le trovi su:
    http://http://www.puntocroce.biz/files/ricamo_punto_filza_varianti.htm
    Ciao!

  5. MARIA RITA said,

    Il centro che proponi è stato erroneamente chiamato a Punto Caterina de Medici ma in effetti è punto Deruta sfilato, recentemente riproposto e studiato da Maria Elide Melani dell’associazione Ago Aga e fantasia di Pistoia.
    Mi sai dire per favore su quale numero di Rakam lo hai visto???
    Grazie e complimenti, sei bravissima.
    ciao

  6. silvia69 said,

    Grazie Maria Rita!
    Finalmente posso dare un nome a questa tecnica.
    Ti chiedo un po’ di tempo per cercare il numero di Rakam sul quale era pubblicato…sai com’è: se si comincia a cercare dal primo giornale, allora sarà sicuramente sull’ultimo, se si comincia dall’ultimo sarà sul primo…dammi un po’ di tempo e ti saprò dire.
    Ciao!

  7. MARIA RITA said,

    tutto il tempo che vuoi.
    Condividiamo la stessa passione e siamo entranbe autodidatte, inoltre sono alla guida di una associazione di ricamo e ho tantissimo materiale a disposizione quindi se hai bisogno di qualche cosa fammi sapere.
    Ciao e a presto
    Maria Rita

  8. silvia69 said,

    Ecco fatto!
    L’ho trovato!
    Il disegno era su Rakam n.5 maggio 1995 pagg. 76-77
    Grazie per la disponibilità! Che bello, un’associazione di ricamo!
    Io invece sono solitaria anche perché con tre figli in età scolare fatico a prendermi degli impegni fuori casa.
    Grazie ancora e a presto!
    Silvia

  9. maria elide said,

    Prima di tutto tanti, tantissimi complimenti per i tuoi lavori che sono veramente belli . Io sono Maria Elide, e ho letto il mio nome ad un commento sulla tecnica deruta sfilato. Mi farebbe piacere avere uno scambio di opinioni ….. puoi scrivermi all’indirizzo e-mail dal quale ti invio questo commento.
    Spero a presto.
    Buon ricamo.
    M.Elide

  10. silvia69 said,

    Grazie Maria Elide!
    Benvenuta sul mio blog!
    Da quello che ho capito tu insegni ricamo: che bello!
    Se hai un indirizzo dove pubblichi i tuoi lavori o quelli delle tue allieve fammi sapere: lo visiterò volentieri!
    Ciao!

  11. Barbara said,

    Vorrei tanto avvicinarmi a questa tecnica: leggerò le spiegazioni sul Rakam che hai segnalato. Mi pare però che si debba montare il lavoro a telaio e questo mi crea qualche perplessità, tu come hai fatto?
    grazie
    Barbara

  12. Silvia69 said,

    Ciao Barbara!
    In effetti anch’io ho lavorato a telaio per tenere il tessuto ben teso e lavorarci meglio…forse se il motivo fosse piccolo si potrebbe anche tentare di farlo a mano…ma rischi che le trame si spostino e che alla fine il ricamo risulti disomogeneo.
    Almeno, io mi riferisco all’esecuzione del punto Deruta sfilato (se lo cerchi in internet trovi delle belle spiegazioni con foto). Che poi è il punto che ho usato per fare il centro che ho pubblicato in questo post.
    Se invece ti riferisci al punto Caterina de’ Medici, si può eseguire tranquillamente a mano, senza telaio, perché si tratta di punto filza (se si ha una buona mano è difficile che “tiri”)…ma io non ho lavori sul mio blog fatti con questa tecnica.
    Ciao e buon lavoro!

  13. Barbara said,

    Innanzitutto complimenti per la varietà di lavori eseguiti,
    quello che è ancor più ammirevole è che dici di esser autodidatta: sei veramente brava!!!!!!!
    Anch’io mi riferivo alla lavorazione del punto Deruta sfilato!
    Davvero in internet si trovano spiegazioni?
    Io non ne ho trovate, le mie ricerche mi hanno portato solo al tuo sito,o per lo meno è l’unica cosa interessante che ho visto…
    Che tipo di telaio hai utilizzato? Come hai fatto, essendo la lavorazione cosi vicina al bordo? scusa se ti faccio perdere tanto tempo,
    grazie
    Barbara

  14. Silvia69 said,

    Ciao Barbara.
    ho cercato in internet…effettivamente anch’io non trovo più il sito che illustrava la tecnica del punto Deruta…peccato…purtroppo non avevo memorizzato l’indirizzo…
    Le uniche spiegazioni che ho trovato, allora, sono quelle contenute su Rakam n. 5 maggio 1995 pagg.76-77
    Appena ho un attimo di tempo (non oggi che vado di corsa) le scannerizzo e te le mando al tuo indirizzo privato (non posso metterle on line perché immagino che ci sia un diritto d’autore).
    Appena posso mi faccio viva: promesso!
    Ciao!

  15. barbara said,

    Grazie!
    Non stare a perdere tempo: sono in possesso della rivista,
    grazie ancora,
    barbara

  16. Silvia69 said,

    Giusto in tempo: avevo trovato qualche minuto libero e stavo per mettermi a scannerizzare…
    Come hai visto non ci sono delle vere e proprie spiegazioni…solo la fotografia..
    Comunque io chredo di averlo realizzato così:
    -ho fatto il punto quadro prendendo sempre 4 trame, intorno e all’interno in modo da delimitare la zona che andava sfilata.
    -l’ho messo a telaio (io ho solo un telaietto rotondo, ma credo che con un telaio rettangolare sarei andata meglio)
    -Ho tagliato quattro trame e ne ho lasciate quattro, poi ho sfilato i fili tagliati
    -Ho realizzato il punto filza sui contorni del disegno ed ho riempito i vuoti a punto tela le parti del disegno che devono risultare piene
    – ho riempito le zone vuote tra un disegno e l’altro copiando dalla fotografia (non è proprio un punto spirito…)

    L’unica cosa che mi ha lasciata perplessa mentre eseguivo questo ricamo era che i fili tagliati non vengono fermati ulteriormente…la mia paura è che con il tempo e i lavaggi si possa rovinare…per ora non è successo..i lavaggi hanno un po’ infittito la stoffa e quindi non si è rotto niente…però…per essere sicuri al cento per cento forse bisognerebbe assicurare i fili che si intende sfilare, ma allora diventa un lavoro molto più lungo…

    Ciao e buon lavoro!

  17. Raffaella said,

    ciao🙂 Che bello! Come sei stata brava ! non riesco a trovare nulla sul deruta sfilato, non è che potresti inviarmi la scannerizzazione di rakam? Purtroppo quel numero di manca😦

  18. silvia69 said,

    Ciao Raffaella!
    Ho guardato il numero di Rakam da cui ho copiato questo centro…è inutile che te lo scannerizzi per il semplice fatto che non ci sono spiegazioni, ma solo la foto del ricamo (molto simile a quella che io ho pubblicato qui). Praticamente, se ingrandisci le mie foto hai le stesse spiegazioni che ho avuto io per realizzare il centro…
    Più concretamente: si sfila la stoffa (o si utilizza una stoffa a trama rada come il “cencio” dei fratelli Graziano), poi si eseguono dei punti filza fino a formare il disegno e si può riempire i disegni con il punto tela. L’unica scritta che c’è su Rakam è una didascalia alle foto che dice” Sapore d’antico nella tovaglietta a punto Caterina dei Medici (n.d.r. questo è sbagliato, perché si tratta di punto Deruta), eseguito su sfilature (o su trama rada), La tecnica di base: una filza che con giri di andata e ritorno inventa forme geometriche facilissime. In più, a punto tela, si “ricostruisce” parte delle zone sfilate. Tutt’intorno poi la tradizione vuole che si rifinisca a croscet. firma Taf”.(pag.76, rakam n.5 maggio 1995)
    Se vuoi contattare chi aveva realizzato questo centro i dati di Taf pubblicati da Rakam sono:
    TAF – Via porta S.Maria17/22 – 50122 Firenze – Tel, 055/2396037
    Ciao e buon lavoro!
    Silvia

  19. Raffaella said,

    Ciao Silvia,
    grazie per le info, ho chiamato il TAF, è un negozio che ricama e vende, non ha più questo ricamo ma solo oggetti a punto antico e sfilato siciliano ( pochi).
    Comunque sia la mia domanda è questa:” hai usato solo la filza e il punto tela per ricamarlo?” E seconda domanda : “croscet che punto è che tu sappia?” trovo solo crochet…Tu quali punti hai usato per ricamarlo? Magari se mi dicessi come si chiama ognuno dei punti, poi cercherò sui libri di ricamo che ho il passo a passo🙂

    Grazie🙂

  20. silvia69 said,

    Ciao Raffaella!
    Per ricamarlo ho usato solo la filza , il punto tela e una specie di punto spirito che ho inventato al momento copiando la foto ( credo sia un punto filza che “gira” attorno alle trame in maniera particolare. Lo si vede se ingrandisci la foto più piccola, ed è il punto che ho usato per riempire lo spazio tra un motivo floreale e l’altro).
    Il crochet in effetti non è ricamo ma uncinetto. La tradizione vuole un giro ad uncinetto,a maglia bassa, che avvolge l’orlo…io non l’ho fatto, ho preferito un semplice punto quadro. comunque, appena posso scannerizzo la pagina di Rakam così puoi vedere anche lì.
    Ciao e buon lavoro!

  21. Raffaella said,

    Grazie!
    Nel frattempo faccio degli esperimenti…🙂

  22. silvia69 said,

    Sono riuscita a trovare il tempo: ecco la scannerizzazione (la trovi in alto sotto al mio ricamo) delle due pagine di Rakam da cui avevo copiato questo ricamo. Sull’angolo a sinistra c’è scritto che ci sarebbero state le spiegazioni alla fine del giornale, ma dev’essere un errore di stampa perché le spiegazioni non ci sono. Questo è tutto. Buon lavoro Raffaella!
    Silvia

  23. Raffaella said,

    Grazie🙂 Sei stata proprio carina..grazie di nuovo :)!

  24. silvia69 said,

    Nessun problema: è stato un piacere!
    Buon lavoro!
    Silvia

  25. silvia69 said,

    Ho trovato qui un’utile scuola di punto deruta sfilato: spiega bene come fare l’orlo e i punti di base
    http://tuttoricamo.blogspot.it/search/label/Deruta%20sfilato


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: